PER CHI NON VA AL MARE

IL MARE LO TROVA IN COLLINA

9 AGOSTO 2019 ORE 20.00


vi aspetto la sera del 9 Agosto alle 20.00 per una cena informale, in piedi, in Terrazza, a base di pesce e altre cose buone, per salutare l’estate, gli amici, il ferragosto, e perché no, anche il fatto che festeggiamo i 13 anni di attività qui, nella nuova sede del ristorante, il tutto condito da Prosecco, Mojto e Sangria

e ottima musica live del duo Grazia Antonello e Roberto Zambonin

(canzoni italiane, francesi, spagnole e a richiesta)


MENU’ DELLA SERATA:

Ostriche francesi (5)

(aperte al momento dal nostro chef Erwan Brouille)

Gamberi Rossi di Sicilia (5)

Paella di Pesce

Mojito (2)

Sangria (2)

Prosecco DEI NOSTRI COLLI (QB)

si consiglia abito informale.

portate allegria e i vostri amici

i posti sono limitati a 60

COSTO : 50 € A PERSONA

VI ASPETTO !

(è gradita la prenotazione)




Premio Locanda da Gerry 2019

I Vincitori:

Elena Grosso, 27 anni di Roncade

Claudia Irene Tessaro, 23 anni di Vallà di Riese

Riccardo e Marco Zanesco, 27 e 26 anni di Pederobba.

Le loro storie raccontano la migliore gioventù fatta di coraggio, passione e determinazione.

Brava Elena, brava Claudia Irene, bravi Riccardo e Marco.

E grazie a Giovanni Casellato, che firmerà il premio vero e proprio: una sorpresa.

Ps: il ricavato della serata di premiazione, venerdì 21 giugno, andrà alla Lilt di Treviso

Premio Locanda da Gerry - Ecco i vincitori

Sono una videomaker che vive a New York e lavora per Vice, uno dei più importanti siti di informazione mondiale, una violinista dal lungo palmares di riconoscimenti, ultimo dei quali l’ingaggio al prestigioso teatro San Carlo di Napoli, e due fratelli che stanno rilanciando un’impresa artigiana dopo la scomparsa del padre i vincitori del Premio Locanda da Gerry 2019.

Li ha scelti nei giorni scorsi la giuria del riconoscimento che dal 2018 premia i talenti “under 35” che si siano distinti nel campo della cultura, dello sport, dell’impresa.

I loro nomi: Elena Grosso, 27 anni di Roncade, Claudia Irene Tessaro,  23 anni di Vallà di Riese e i fratelli Riccardo e Marco Zanesco, 27 e 26 anni di Pederobba.

Le loro storie raccontano la migliore gioventù fatta di coraggio, passione e determinazione:

ELENA GROSSO

nasce a Roncade, studi al Liceo Canova e al Duca degli Abruzzi, dopo il diploma si trasferisce a Miami (Usa) dove per un anno lavora nella cucina di un ristorante italiano; poi il rientro in Italia e la decisione più coraggiosa: investire nel proprio futuro, d’intesa con la famiglia che la incoraggia a una scelta di vita internazionale.

Elena passa una selezione per entrare nella prestigiosa scuola di recitazione Actors Studio, fondata da Elia Kazan nel 1947 a New York, e per due anni si forma in questo “tempio sacro”.

Nel frattempo si specializza nella tecnica video e insieme a un socio fonda la Lightofilm, casa di produzione di video e realizza alcuni lavori di successo.

Uno di questi, dedicato a un pescatore di Murano, vince numerosi premi. Collabora con Netflix per la realizzazione di un video sulla Juventus.

Da alcuni mesi lavora a Vice, uno dei più importanti siti di informazione mondiale, come tecnico al montaggio e alla post produzione

Elena Grosso

Elena Grosso

Claudia Irene Tessaro

inizia   gli studi   di violino  all'età di cinque anni e si diploma a 17 anni con il Massimo dei voti, Lode e Menzione d'Onore nel Conservatorio” A. Steffani” di Castelfranco sotto la guida di Stefano Pagliari.

Dal 2013, si perfeziona con Salvatore Accardo, nel 2016 consegue una borsa di studio alla Musikhochschule di Lugano.

È considerata nel panorama nazionale dalla critica un talento emergente del violino, e una raffinata interprete del repertorio violinistico del '900.  

In ambito orchestrale è risultata idonea alle audizioni indette al Teatro San Carlo di Napoli e dal 2018 ricopre il ruolo di Professore d'orchestra aggiunto; nella stagione 2018-'19 è già stata convocata per alcune produzioni in cartellone .

Dal 2015 al 2018 è stata a fianco del maestro Riccardo Muti, come violino di ruolo dei primi, risultando idonea anche come spalla, nell'Orchestra Giovanile L. Cherubini da lui diretta. 

Suona un violino per lei espressamente costruito del Liutaio Franco Simeoni.

Claudia Irene Tessaro

Claudia Irene Tessaro

Riccardo e Marco Zanesco

rappresentano una storia di impresa positiva.

All’età di poco più di vent’anni, a causa della prematura scomparsa del padre, Nico, sono costretti a rimboccarsi ancora di più le maniche e a fare la scelta di proseguire nell’azienda di famiglia, la ORVI (Officina Riparazioni Veicoli Industriali) di Pederobba, fondata appunto dal padre nel 1972 con un socio.

La scelta è condivisa e incoraggiata dalla famiglia: dalla madre Elisabetta e dalle sorelle Marta, Sara e Serena.

Oggi l’azienda di famiglia prosegue nella sua attività, riscuotendo l’apprezzamento dei clienti e del territorio: ha sette dipendenti e ricavi per 1,5 milioni di euro.

La storia di Riccardo e Marco, e delle loro famiglie, rappresenta un esempio di talento applicato al mondo dell’impresa.

Riccardo e Marco Zanesco

Riccardo e Marco Zanesco

La cerimonia di consegna del Premio Locanda Da Gerry venerdì 21 giugno nell'omonimo ristorante Da Gerry di Monfumo nel corso di una serata speciale che renderà omaggio alla tradizione enogastronomica locale per dare il benvenuto all'estate.

I vincitori riceveranno un premio realizzato dall’artista scultore Giovanni Casellato di Coste di Maser

Madrina della serata è Miss Veneto 2018 Diletta Sperotto, mentre a Romana Adrović il compito di condurre la serata e intervistare le personalità presenti e, ovviamente, i vincitori.

L’iniziativa del Premio Locanda da Gerry ha avuto il patrocinio del Comune di Monfumo, della Confartigianato AsoloMontebelluna e Credito Trevigiano.

Il ricavato della serata, attraverso una sottoscrizione libera e responsabile, andrà a sostenere la Lega italiana per la lotta contro i tumori di Treviso (LILT).

L’anno scorso il Premio Locanda da Gerry era stato attribuito allo chef stellato Francesco Brutto, al designer e progettista Andrea Mocellin e alla campionessa mondiale di scherma Eleonora De Marchi.


Vi aspettiamo numerosi all’evento.

Gerry e Maurizio Menegon


CON IL PATROCINIO DI

Comune di Monfumo

Comune di Monfumo

Confartigianato  Asolo Montebelluna

Confartigianato

Asolo Montebelluna

LILT sede di Treviso

LILT sede di Treviso

SPONSOR

Al via il Premio Locanda Da Gerry

Premio Locanda da Gerry

Premio Locanda da Gerry

Al via la nuova edizione del concorso dedicato a giovani under 35 che si siano distinti in tutti i campi: dallo sport alla ricerca, dall'arte al sociale. Premiazioni il 21 giugno

Tutto è pronto per la seconda edizione del Premio Locanda Da Gerry, dedicato ai migliori talenti under 35 provenienti dal territorio che Dante definiva “dal Brenta al Piave” e comprensivo in senso ampio delle province di Treviso, Belluno, Padova, Vicenza e Venezia.

In lizza per il “titolo” ragazze e ragazzi che si siano particolarmente distinti nel campo dello studio, della ricerca, dello sport, delle professioni, delle arti, del sociale.

Ci sono tantissimi giovani che meritano di essere valorizzati e fatti conoscere a tutta la comunità. Con questo premio vogliamo rinnovare la nostra attenzione alla bravura e alla determinazione dei giovani, figli del nostro territorio, compreso tra i fiumi Brenta e Piave, una delle zone creative e produttive più feconde d'Italia

La giuria è già al lavoro per valutare le candidature pervenute, ma c'è ancora qualche giorno di tempo per segnalare giovani di talento, che abbiano meno di 35 anni di età e si siano distinti nei diversi campi.

Il pubblico può anche segnalare il proprio candidato mandando una e-mail a: info@ristorantedagerry.com specificando “Candidatura Premio Locanda Da Gerry 2019” con una breve nota di accompagnamento completa di nominativo e/o curriculum del candidato.

Il termine ultimo per la presentazione delle candidature è il 9 maggio. La rosa dei tre vincitori verrà comunicata venerdì 21 giugno durante la cerimonia di consegna dei Premi Locanda Da Gerry nell'omonimo ristorante di Monfumo.

Si preannuncia una serata speciale in tutti i sensi. Ad accompagnare la cerimonia di conferimento del premio un menù che rende omaggio alla tradizione enogastronomica locale pronta a salutare l'arrivo dell'estate.

Anche quest'anno il principale intento del Premio è di far conoscere giovani promesse del nostro territorio, che in silenzio, con grande sacrificio e passione, si stanno ritagliando un posto di tutto rilievo nel campo dello sport, della ricerca o di altre attività, c'è grande bisogno di esempi positivi che vanno fatti conoscere e valorizzati al meglio e il Premio Locanda da Gerry vuole dare il suo contributo in questo senso.

A essere premiati saranno anche quest’anno tre giovani, testimoni di una volontà di emergere leale, senza scorciatoie, ma contando unicamente sull'impegno e la forza di volontà. 

L’anno scorso a ricevere il premio furono lo chef stellato Francesco Brutto, la campionessa di scherma Eleonora De Marchi e il designer Andrea Mocellin. qui le foto della edizione 2018.

il 21 Giugno vi aspetto numerosi per la cena della premiazione !

prenotate qui ! specificando “Premio Locanda Da Gerry”

La serata ha finalità benefiche: sarà devoluto parte dell’incasso alla LITL Treviso

Pasqua 2019

AdobeStock_104589391.jpeg

Carissimi,

come ad ogni anno, vi proponiamo il nostro menù di Pasqua

in attesa di vedervi e scambiarci i migliori propositi, Buona Pasqua !

ANTIPASTO:

Polentina morbida con trifolata di calamaretti e piselli freschi

Cape sante e gamberi in saor leggero di asparagi

PRIMI PIATTI: 

Risotto con germogli e trota salmonata, affumicata da noi, mantecato con olio extra vergine di oliva

Agnolotti ripieni di manzo brasato salsa bordolese e sedano croccante

 

SECONDO PIATTO:

Capretto nostrano arrosto con patate al forno  e cipolline all’agro

OPPURE : Carrè di maialino alle spugnole

 

DESSERT:  

Strudel di pasta filo agli agrumi con gelato alla vaniglia e salsa al Grand Marnier

 

VINI IN ABBINAMENTO

COSTO  €.  65,00  vini compresi

————————————————————-

VENERDI  19/4   PRANZO DELLA VIGILIA

aringa, bigoli in salsa, baccalà con polenta

LUNEDI 22/4   PASQUETTA:

LA CUCINA PROPONE SPIEDO MISTO CON CONTORNI ABBINATI. ANCHE PER ASPORTO

 

Buon 2019 !

49635249_2012021525502444_5947579190042689536_o.jpg


È tradizione, ogni anno, avere dei buoni propositi per partire col piede giusto e dare un calcio agli errori del passato

questi i nostri.

1. Cercate di ritagliare sempre del tempo per voi, almeno una volta a settimana

2. Non fatevi stressare dal lavoro ed evitate di portarlo a casa

3. Leggete di più. Leggere rende liberi

4. Non rincorrete più nessuno. Chi non vi vuole non vi vorrà a maggior ragione se continuate a stargli dietro

5. Non date per scontati gli amici e coltivate le relazioni che già avete

6. passate il tempo a tavola parlando tra di voi. spegnete TV e telefoni

7. se passate più tempo da noi in Ristorante, meglio 😊

Buon 2019 a tutti! 
Maurizio e Gerry Menegon

Riti e tradizioni natalizie d’altri tempi


IMG_8604.JPG


Monfumo, 19 Dicembre 2018

Gentili Amici,

Può la tradizione insegnarci qualcosa per preparare in modo corretto il pranzo della vigilia di Natale? Credo proprio di sì. Il pranzo della vigilia, in quelle ultime ore d’attesa della nascita del Bambino di Betlemme, resta di magro, penitenziale e, oltre all’aringa e i bigoli in salsa, c’è il baccalà, introdotto nel Veneto nella seconda metà del ‘500 dai mercanti veneziani proprio per assolvere al dovere dell’astinenza dalle carni.

vi aspettiamo il lunedì 24 per gustare i sapori di "una volta" e scambiarci un segno di augurio e amicizia per questo Natale 2018



Potete prenotare direttamente qui

A presto !


Gerry e Maurizio Menegon